REGISTRO DI ANAGRAFE CONDOMINIALE

Obblighi per l’Amministratore di condominio e indicazioni pratiche

L’art 1130 del Codice Civile stabilisce come l’Amministratore abbia l’obbligo di redigere un registro di anagrafe condominiale.

Questo con la finalità di creare una corrispondenza dettagliata tra unità immobiliari e relativi proprietari all’interno del condominio e garantire maggiore trasparenza.

Nel registro di anagrafe condominiale devono essere riportate le generalità complete dei titolari e degli immobili. Necessari anche i dati di chi gode di diritti reali e personali di godimento. L’Amministratore  di condominio deve avere cura costante del suddetto registro, così come previsto al comma n.6 (art 1130 c.c.).  Come spesso accade però, i condomini non risultano collaborativi in tal senso, ommettendo la restituzione dei modelli debitamente compilati.

In questo caso è necessario sollecitare a mezzo raccomandata gli inadempienti. Passati 30 giorni, l’Amministratore procederà al reperimento forzoso delle informazioni, addebitando le spese ai singoli responsabili. Questa prassi scatta anche nel caso di alcuni dati mancanti.  Per quanto concerne le eventuali variazioni, queste vanno comunicate in forma scritta dai condomini entro 60 giorni. In caso di subentro di nuovo proprietario, sarà quest’ultimo ad avere l’obbligo di comunicazione nei confronti dell’Amministratore di condominio. Ricordiamo inoltre che l’ultimo comma dell’articolo 63 delle Disposizioni di attuazione del Codice civile esplicita che “chi cede i diritti su unità immobiliari resta obbligato solidalmente con l’avente causa per i contributi maturati fino al momento in cui è trasmessa all’amministratore copia autentica del titolo che determina il trasferimento del diritto”

Alla luce di ciò risulta come quest’ultimo sia l’unico vero responsabile della compilazione del registro di anagrafe condominiale, senza potersi esimere dal farlo. In caso di mancanza da parte dell’Amministratore di condominio, si paleserebbe un caso di grave irregolarità. Ai sensi dell’articolo 1129, comma 11, n.7 del Codice civile questo potrebbe portare alla revoca dell’incarico.

Per ulteriori approfondimenti, si rimanda al video disponibile sul canale Youtube di A. Gallucci, intitolato “Anagrafe Condominiale”.